Arenthar

Il forum unito di Alae Noctis & Angainor
Oggi è 17/07/2019, 3:24



Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 11 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2  Prossimo
Autore Messaggio
 
 Oggetto del messaggio: Sulla nave Nebula, verso casa
MessaggioInviato: 10/07/2019, 19:13 
Avatar utente

Avventuriero
Iscritto il: 04/01/2017, 22:22
Messaggi: 101
Non connesso
Profilo

«Benvenuti a bordo della Nebula» esordì l'uomo che si era presentato come il capitano William Bonnet.
La Sacra Compagnia e l'equipaggio della Speranza, sopravvissuto interamente all'affondamento della loro nave, era stato imbarcato il giorno prima, quando le grigie vele del vascello erano apparse nella baia. Molti sulla spiaggia si erano preparati al peggio, prima che dalla Nebula arrivassero grida come "Ramo Rosso", "Lumex" o "Offrite i vostri cuori", voci unite infine da una sola invocazione, ripetuta più e più volte: "Sacra Compagnia".
L'avere di nuovo un mezzo per tornare a casa, però, sembrava non aver placato i malumori e il sospetto, specialmente da parte dell'equipaggio della Speranza.
Deperito come se avesse patito la fame mille anni, ma deciso come un prigioniero che riscopre la libertà, il capitano Bonnet aveva parlato con calma, mentre attorno a lui la ciurma continuava a svolgere le sue faccende.
«Sono dispiaciuto per quanto è accaduto alla vostra Compagnia e al vostro equipaggio, Capitano. Il nostro Quartiermastro, la signorina Merrow, » disse indicando la donna mora accanto a lui «mi ha spiegato cosa è avvenuto e non posso che porvi le scuse al nome della ciurma per il vile comportamento del signor Hornigold. Siamo tutti stati vittime delle sue macchinazioni e del modo con cui ha cercato di ingannare i suoi stessi compagni. Come vi è stato credo già anticipato dai vostri amici, vi garantisco un passaggio sicuro verso il continente e il nostro aiuto futuro nel caso ne aveste nuovamente bisogno. Noi tutti e io in particolare abbiamo un debito enorme verso la vostra Compagnia per averci liberato del legame con quell'essere ... ». La voce gli si tronca in gola e sul suo viso si dipinge un sentimento di puro terrore, che si attenua solo quando i suoi occhi si posano sulla signorina Merrow. Dopo qualche istante riprende a parlare, rivolgendosi per primo al capitano della Speranza «Non posso ridarvi la vostra nave, signore, ma vi offro la maggior parte del bottino che non ci è stato sottratto come compensazione: se userete quel denaro per farvi una vita lontano dal mare o per costruire una nuova nave, quello lo deciderete voi. Conosco qualche carpentiere di abile mano nei porti di Waddlar che possono farvi un buon prezzo».
Mormorii di prudente soddisfazione si erano alzati dagli uomini della Speranza, ma nessun commento ad alta voce. In fondo fidarsi di un pirata è sempre un po' un azzardo, come avere un goblin a bordo.
Bonnet si era rivolto di nuovo alla Compagnia.
«Avete libero accesso alla nave e potete parlare altrettanto liberamente fra voi e con chiunque dei membri del mio equipaggio. Vi chiedo solo di rispettare le leggi del mare e risolvere eventuali diatribe quando sarete sbarcati o rivolgervi a me o al Quartiermastro se una di queste riguarda la ciurma. Vi ringrazio ancora. E ora un bicchiere di rum per tutti prima di partire. Al capitano due magari!».


È passato qualche giorno e la Nebula ora si trova in viaggio verso il continente. Molti hanno già parlato di quanto avvenuto sull'isola con alcuni compagni, ma la maggior parte è stata impegnata a dare una mano a condurre il vascello, assieme ai marinai della Speranza: la ciurma di Bonnet si è ridotta nel tempo e alcuni di loro si stanno ancora riabituando a muoversi senza il potenziamento che il patto con la misteriosa entità dell'isola concedeva loro.
Molti si trovano sul ponte, a portata di voce e d'orecchio: la Nebula è a malapena sufficiente per contenere il suo attuale numero di passeggeri, cosa che non concede molta discrezione, ma la ciurma sembra non avere più nulla da nascondere. L'unico mistero che sembra rimasto insoluto è la sorte del giovane aiuto-cuoco Harry Lime, scomparso poco dopo il ritorno dei pirati sull'isola, forse morto, forse scappato assieme a un particolare manufatto che faceva gola a molti.
Il Sole splende alto e una brezza muove la nave, dando all'equipaggio un momento di tranquillità per portare avanti mansioni più leggere o intrattenersi in allegra conversazione.
Top
  
Rispondi citando  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Sulla nave Nebula, verso casa
MessaggioInviato: 11/07/2019, 0:41 
Avatar utente

Giovane avventuriero
Iscritto il: 15/01/2017, 23:45
Messaggi: 47
Non connesso
Profilo

Il giovane bardo passeggiava spesso sulla Nebula, in cerca di compagnia o di un pubblico che avesse voglia di cantare o ascoltare le sue storie. Durante la sua permanenza sulla nave si era dato molto da fare a cercare di risollevare un pò gli animi dei compagni ancora abbattuti dalla sconfitta a Duvanthar e quando aveva un pò di tempo libero si dedicava alla sua "Costituzione". Probabilmente a breve avrebbe radunato i suoi compagni per esporre il documento con il quale con tanto impegno e dedizione aveva scritto. Purtroppo non aveva scoperto granché riguardo a messer Lime, ma di una cosa era certo... che quell'uomo non era morto! Adesso si trovava appoggiato all'albero maestro e, fischiettando vivacemente, cercava con lo sguardo i suoi compagni e soprattutto il Capitano William, con il quale avrebbe chiesto informazioni più dettagliate riguardo all'aiuto-cuoco.
Top
  
Rispondi citando  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Sulla nave Nebula, verso casa
MessaggioInviato: 13/07/2019, 10:27 
Avatar utente

Avventuriero
Iscritto il: 04/01/2017, 22:22
Messaggi: 101
Non connesso
Profilo

«Messer bardo!».
*Il capitano William va incontro a Jack, con passo lento, ma stabile. Nonostante appaia ancora un po' deperito, l'uomo ha iniziato da poco a camminare da solo senza bisogno di essere sostenuto. Giunti sulla nave, la ciurma non ha esitato un secondo a rieleggerlo "capitano" all'unanimità e ad accoglierlo come un compagno rimasto lontano solo qualche giorno. Molti ancora guardano con un certo sospetto Astra, dopo la lettera che Hornigold ha presentato ai membri presenti sull'isola, ma nessuno ha esistato ad accoglierla. Più che una ciurma di pirati sembra quasi una bizzarra famiglia.
«So che avete dedicato una canzone al mio rivale, dopo che è stato eletto capitano da alcuni membri del mio equipaggio. Siete stato pagato questo vostro atto?» dice con tono tanto pomposo e teatrale quanto scherzoso.
Top
  
Rispondi citando  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Sulla nave Nebula, verso casa
MessaggioInviato: 13/07/2019, 16:04 
Avatar utente

Giovane avventuriero
Iscritto il: 15/01/2017, 23:45
Messaggi: 47
Non connesso
Profilo

"Felice giorno a voi Capitano William!" esclama Jack baldanzoso e accenando un lieve inchino.
"Ebbene si, ho dedicato una canzone a quel villano, ignaro che alla fine sarebbe stato nostro nemico! Nonostante questo non è stato altrettanto ignobile quando mi diede un compenso. Devo dire che non vedevo una ricompensa così dalla mia esibizione davanti al cospetto del Granduca di Mokhena in persona!" disse il bardo attorcigliandosi i baffi con le dita.
"Ah ma se pensate che non ho niente per voi vi sbagliate di grosso! Oramai è quasi due anni che viaggiamo in lungo e largo per mare, e di canzoni ne ho sentite parecchie..." spiega Jack mentre estrae la costodia contenente il flauto.
"In particolare ce ne è una che mi piace molto e narra di un liquore fantastico preparato dal cuoco della nave Speranza, aimè abbattuta dalla cannonata come sapete bene anche voi." continuava mentre estraeva i pezzi del flauto per assemblarlo.
"Ahh il liquore di Binns! Chissà se potrò risentirlo ancora una volta!...non mi sembra di averlo più visto aimè." esclama infine riponendo la custodia chiusa nella borsa.
"Mi piacerebbe esibirmi per voi se non vi dispiace!...anzi...SIGNORI E SIGNORE!! È CON GIOIA CHE DEDICO QUESTA CANZONE AL CAPITANO WILLIAM!..CHE OLTRE AD AVER RITROVATO LA SUA AMATA, SI È RIUNITO AL SUO EQUIPAGGIO..CHE È PIÙ DI UNA FAMIGLIA!! AVANTI SIGNORI NON SIATE TIMIDI!.. CANTARE E BALLARE FA BENE ALL'ANIMA!!" esclama a grande voce Jack aspettando di avere intorno a lui un pubblico sufficiente per rendere ancora più vivace la canzone. Mentre aspettava, si tolse il cappello e lo lanciò a terra, nella speranza magari di racimolare qualche spicciolo.
Top
  
Rispondi citando  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Sulla nave Nebula, verso casa
MessaggioInviato: 13/07/2019, 20:57 
Giovane avventuriero
Iscritto il: 10/10/2018, 9:42
Messaggi: 20
Non connesso
Profilo

"eh già mio Capitano!" si intromise così Astra Merrow dopo che il bardo ebbe finito la sua esibizione "...non solo le canzoni ma anche una spintarella per la sua fulminea carriera da Capitano Hornigold!..." disse la giovane pirata con una strana scintilla nello sguardo.
Dopo un breve, ma pesante silenzio, aggiunse "... Speriamo solo che la Nebula possa contare sulla amicizia della Sacra Compagnia, confidando sulla vostra discrezione su eventuali domande di qualche Principe Pirata troppo curioso..." aggiunse in tono gelido Astra squadrando Jack ed i suoi compagni che si erano avvicinati per parlare con il Capitano William
Top
  
Rispondi citando  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Sulla nave Nebula, verso casa
MessaggioInviato: 13/07/2019, 21:57 
Avatar utente

Avventuriero
Iscritto il: 04/01/2017, 22:22
Messaggi: 101
Non connesso
Profilo

*William segue l'esibizione estremamente divertito, così come anche altri membri della ciurma, quelli che sono in pausa almeno. Si vedono volti noti come il medico di bordo, la signorina Williams, mentre Molly Sputafuoco, ascolta la canzone da lontano, dondolando la testa mentre continua la manutenzione dei suoi "bambini". Quando il Quartiermastro Astra Merrow, ex capitano ormai, si avvicina, il volto del pirata di fa ancora più raggiante.
«Bravo, bravo messer Willow!» applaude il capitano Bonnet. «Temo di non potervi lanciare un giusto compenso, almeno fino al prossimo bottino. Quello che era stato messo da parte negli ultimi anni ci è stato sottratto da Owen. Non so cosa gli sia successo: è sempre stato un tipo burbero, ma non avrei mai pensato che arrivasse a tradire la ciurma. Quell'isola ... sembrava capace di tirare fuori il peggio di noi ... ». dice con una nota cupa nella voce. Poi una preoccupazione più leggera gli attraversa il viso. «Il Capitano Ulfulk Senzanome è ancora in circolazione, Ast ... cioé signorina Merrow?».
Top
  
Rispondi citando  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Sulla nave Nebula, verso casa
MessaggioInviato: 14/07/2019, 2:16 
Avatar utente

Giovane avventuriero
Iscritto il: 15/01/2017, 23:45
Messaggi: 47
Non connesso
Profilo

"Grazie! GRAZIE A TUTTI! E' sempre un piacere offrire i miei servigi per risollevare un po' su il morale!" esclama il bardo facendo un profondo inchino al suo pubblico. "Capitano William! Non importa di certo ricordare l'alleanza e l'amicizia che abbiamo creato tra il suo equipaggio e la Sacra Compagnia. Noi tutti siamo uomini e donne che lottiamo per una giusta causa...soprattutto di questi tempi!.." esordisce Jack, abbracciando calorosamente il capitano William. "Però preferirei che invece di essere ricompensato voi mi parliate del vostro aiuto cuoco Harry Lime. Credo che le giuste informazioni alle volte siamo molto più utili che il denaro...e come vi ha accennato la signorina Merrow....potremmo essere ancora più discreti su di voi con il goblin se un giorno si presentasse al nostro cospetto..." il bardo adesso era diventato molto serio e accompagnava a bassa voce il Capitano William lontano dalla folla.
"Sarò breve. Il mio non è assolutamente un ricatto..ma il vostro mozzo è sparito dalla circolazione proprio quando nello stesso momento è sparito anche un oggetto a noi MOLTO caro. Alcuni dei miei compagni hanno notato il medaglione della maschera e vorrei sapere se in passato si è già impossessato di qualche oggetto raro per consegnarlo a superiori che non siete voi..." la voce di Jack è sempre più fredda e decisa, ancora incredula dell'errore compiuto da lui e i suoi compagni nell'aver lasciato l'artefatto troppo scoperto.
"Chiedendo al vostro equipaggio tutti hanno abbozzato su dove era e mi fate sospettare che anche i vostri sottoposti sono coinvolti in questo furto..ho bisogno che voi mi veniate incontro e che mi svelate la verità su dove si trova e su chi è questo Harry Lime...e considererò la nostra amicizia più salda dell'acciaio..." concluse infine il bardo, aspettando fiducioso una risposta che possa far partire una pista da seguire.
Top
  
Rispondi citando  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Sulla nave Nebula, verso casa
MessaggioInviato: 14/07/2019, 9:45 
Giovane avventuriero
Iscritto il: 10/10/2018, 9:42
Messaggi: 20
Non connesso
Profilo

Seguendo silenziosa Jack il bardo che portava a braccetto il SUO Capitano William, Astra lo tolse dalle sue grinfie con una stretta d'acciaio.
Era palese che il neo Quartiermastro della Nebula non si fidasse di questa - Sacra Compagnia - ma gli era comunque riconoscente per riavergli dato William.
"Come ne è al corrente il signor Willow, come noi tutti ne siamo al corrente, il Capitano Bonnet è stato piuttosto, come dire, - impegnato - negli ultimi 5 anni..." il viso di Astra divenne rosso, forse per la rabbia o forse per la vergogna di quei momenti.
"Harry il mozzo? Quello spauracchio smilzo? Onestamente lo abbiamo trovato il giorno prima della partenza per quella maledetta isola...faceva bene il suo lavoro, puliva il ponte dal vomito del signor Bridge, dava una mano nelle cucine alla signorina Hunt...non si è mai comportato in maniera sospetta anzi, era proprio un mozzo perfetto! " pensandoci bene Astra credeva che fosse anche troppo perfetto, ma questo non lo disse.
Infine fece un cenno del capo verso la poppa della nave" se volete altre informazioni su Harry, provate a sentire la signorina Susan Hunt, se saprà altro sono sicura che vi darà una mano... dopo tutto a cosa servono gli amici? " l'ultima frase fece venir fuori uno strano sorriso ad Astra Merrow...
Top
  
Rispondi citando  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Sulla nave Nebula, verso casa
MessaggioInviato: 15/07/2019, 9:54 
Avatar utente

Avventuriero
Iscritto il: 04/01/2017, 22:22
Messaggi: 101
Non connesso
Profilo

«Capitano ...».
*Al gruppetto si avvicina l'imponente figura di Rubeus Hands, il Capo Gabbiere che era presente sull'isola. «Sono lieto di rivedervi di nuovo sul ponte di comando tutto d'un pezzo».
*William gli sorride, stringendogli la mano con entrambe. «Signor Hands! Sono lieto di vedervi ancora fra noi! Il bardo qui stava giusto chiedendo ...».
«... Della signorina Susan». L'omone squadra il bardo con aria sospettosa, forse perfino minacciosa. Non serve un sacerdote di Akban per capire che, anche senza i potenziamenti dell'isola, il Capo Gabbiere può facilmente spezzare qualche osso a chi non gli va a genio.
«No, di quel mozzo che raccogliemmo a bordo prima di salpare per l'isola. Mi pare fosti proprio tu a proporlo per l'ingaggio, no?».
*L'espressione di Hands si distende e sorride.
«Oh, il giovane Harry! Sì, ho pescato quella sardina nella taverna dove ero andato a farmi qualche bicchierino di buon augurio prima della partenza. Ho capito subito che era un tipo scaltro, ma comunque inesperto: stava cercando un ingaggio, ma di certo noi non prendiamo a bordo il primo scarto di sentina che incontri in porto. L'ho raggirato bene bene e mi sono fatto offrire diversi giri per capire meglio chi avevo davanti». Picchietta il dito sulla sua tempia. «Un semplice ragazzino, un po' pavido, che come avete visto se ne stava semre un po' in disparte e che spesso passava inosservato, nonostante svolgesse alla perfezione le sue mansioni, anche quando la signora Quartiermastro era Capitano, Capitano. Ahimé, mi spiace proprio che i selvaggi gli abbiano fatto la pelle. Ancora un po' e sarebbe potuto diventare anche un marinaio scelto».
*torna infine a guardare torvo il bardo, ma non tanto come prima.
«Ho forse sentito insinuare qualcuno dei vostri compagni che il giovane Harry fosse un ladro?».
Top
  
Rispondi citando  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Sulla nave Nebula, verso casa
MessaggioInviato: 15/07/2019, 10:00 
Avatar utente

Giovane avventuriero
Iscritto il: 15/01/2017, 23:45
Messaggi: 47
Non connesso
Profilo

Il giovane bardo rimane ad ascoltare ogni parola dell'ex capitana, sempre mantenendo un sorrisetto arguto sotto i baffi arricciati. Appena pronunciato il nome di Susan Hunt, Jack alzò istintivamente il sopracciglio sinistro, in segno di sorpresa e stupore riguardo anche all'umorismo della signorina Merrow.
"Mh! Oh bene!...davvero interessante il dettaglio che il giovane Lime è salito sulla nave proprio prima dell'arrivo sull'isola. Prima di andare dalla signora Susan Hunt vorrei solo disturbarvi ancora un momento per conoscere i motivi dell'arrivo sull'isola. Nel particolare...cosa speravate di trovare sull'isola apparte grandi quantità di tesori?.....magari il signor Lime era venuto a sapere che altre a quelli poteva trovare una coppa di grande valore.." disse Jack con voce cantinelante, sempre più curioso di scoprire più cose sul ladro.
Top
  
Rispondi citando  
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 11 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
cron

Alae Noctis GRV | Gioco di ruolo dal vivo
Traduzione Italiana phpBB.it